I 10 bar del mondo che non puoi assolutamente perderti

26 aprile 2017 by Jennifer Marchetti0
arredamento-bar-vintage.jpeg

 

Vintage o contemporaneo? L’arredamento di un bar può dire tutto! Entra nel nostro mondo per scoprire insieme quali sono i 10 bar che devi assolutamente conoscere.

Si dice che gli occhi siano lo specchio dell’anima. Lo stesso concetto può essere applicato anche all’arredamento di un ambiente. Tutto ciò che ci circonda influisce sull’opinione che avremo di quel locale. Quante volte ti è capitato di entrare in un posto ed uscire immediatamente perché gli oggetti da arredamento non ti comunicavano nulla di buono? Realizzare un bar con un arredamento che trasmetta la personalità di chi lo vive rappresenta un biglietto da visita non da poco.

Un buon drink può diventare un buon motivo per fare un viaggio e può accadere ovunque: un bar in aeroporto mentre si aspetta il proprio volo in ritardo, un bar sul tetto per godere di una vista mozzafiato, un bar costruito al centro di una piscina o di un oceano su cui rilassarsi con un buon mojito.

Oggi ti porteremo insieme a noi in giro per il mondo per scoprire tutte le ultime tendenze in fatto di bar, per sentirti a casa ovunque tu decida di andare. Se sei un esperto di bar, saprai sicuramente che un locale apparentemente fatiscente non rappresenta necessariamente un “postaccio”. Probabilmente questi sono i posti migliori per conoscere la vera cultura della città, dove in genere le persone del posto sono molto più accoglienti. Tuffarti in uno di questi posti ti permetterà di riportare a casa un’esperienza indimenticabile invece della solita cartolina panoramica. Questo ambiente così familiare può essere riprodotto: la fantasia in fatto di design per l’arredamento di un bar non ha davvero limiti.

 

Arredamento da bar vintage: come realizzare un ambiente che abbia un’atmosfera retro?

Il vintage è una tendenza che è ormai sulla cresta dell’onda da anni e non sembra volersi arrestare. Di conseguenza, i locali che abbracciano questa tipologia di arredamento si moltiplicano: tavole calde in stile americano anni ‘50, pub in perfetto stile british anni ‘70. Perché non lasciarsi sedurre da un arredamento vintage anche per un bar? Realizzarlo è davvero semplicissimo: basta guardarsi intorno! Ovunque troverai oggetti d’epoca e grazie alla sapienza di un esperto come Artic sarà un gioco da ragazzi.

Ti suggeriamo tre accessori che non possono mancare in un vintage bar:

Decanter con etichetta. Questi oggetti sono particolarmente importanti perché aiutano a conservare correttamente un liquore dopo averlo aperto. Il problema è che solitamente vengono scelte delle noiose caraffe; perché non inserire un’etichetta esattamente come quelle divenute popolari durante la prima metà del secolo e che hanno caratterizzato tutte le caraffe rettangolari dell’epoca?

La brocca Martini. Hai presente quando James Bond dice di volere un Martini shakerato? Questa storica brocca viene venduta con un set di bicchieri, perfetta per preparare un Martini in stile vintage. Mescolare con una cannuccia il gin e il vermouth prima di servire ed il gioco è fatto.

Bicchieri da Brandy. Dimentica i bicchieri rotondi, alti, sottili. Quello di cui hai veramente bisogno sono bicchieri da brandy d’epoca. Non solo sembrano più grandi e occupano meno spazio, ma sono perfetti per permettere ad un uomo di fare colpo.

bicchieri da brandy arredamento bar vintage

 

Da New York a Londra, i migliori bar del mondo sono inglesi!

Secondo le più rinomate liste annuali, a Londra ci sono i bar più belli del mondo. Per la precisione ci sono nell’elenco, rispettivamente al secondo e al terzo posto, l’American Bar al Savoy e il Dandelyan al Mondrian Hotel. Andando verso le posizioni più basse, in quarta fila c’è il bar dell’hotel Connaught mentre al sesto posto c’è una new entry rappresentata da un nuovo bar in cui si brinda sempre all’insegna della felicità: The Gibson. L’arredamento da bar in stile inglese si mostra dunque una delle scelte più azzeccate che si possano fare nel 2017.

Questi premi sono il risultato di un sondaggio di settore a livello mondiale, realizzato dalla rivista Drinks International. Oltre 400 nomi tra i più noti del settore dei drink sono stati intervistati per arrivare a questi risultati. Dopo Londra, New York ha avuto un gran successo tra la giuria, soprattutto grazie all’Attaboy, un bar che si trova all’interno del Nomad Hotel.

 

I 10 bar del mondo con un arredamento che devi vedere almeno una volta nella vita

Ma adesso veniamo alla nostra personale classifica in fatto di arredamento da bar. Come ti abbiamo detto all’inizio, scoprire nuovi stili e nuove tendenze può diventare la ragione del tuo prossimo viaggio. Ti porteremo in giro per il mondo per scoprire tutti i bar con un arredamento che vale la pena di vedere almeno una volta nella vita.

Ku Dé Ta – Singapore. Iniziamo con uno dei bar più alti del mondo, caratterizzato da un’atmosfera intima e a lume di candela. Si trova al 57esimo piano del Marina Bay Sands, un edificio dall’aspetto totalmente moderno. Ti sembrerà di stare sul tetto del mondo mentre i migliori musicisti e DJ suoneranno in questa suggestiva location.

Sirocco & Sky Bar – Bangkok. A 250 metri di altezza si trova questo bar pensato per viziare i suoi ospiti. Una delle città più affascinanti del mondo sarà ai tuoi piedi nell’open bar famoso nel mondo per le sue folli notti di divertimento. Basta pensare che il bancone cambia colore ogni 90 secondi!

Lafitte’s Blacksmith Shop Bar – New Orleans. Si tratta di uno dei locali più antichi del mondo, le cui origini sono legate a delle storie misteriose. Si dice che qui il proprietario fosse il pirata Lafitte e che conducesse dei traffici illeciti. Ancora ci sono storie di vampiri e di uomini d’affari, insomma non puoi perderti le atmosfere di questo bar che è pronto ad ospitare i turisti.

Al Brindisi – Ferrara. Ovviamente anche l’Italia figura in questa lista per un locale risalente al Rinascimento, dove addirittura Copernico ha preso un bicchiere di vino. Oggi questo posto è anche un ristorante, ma conserva l’ambiente di sempre.

Cafe des Deux Moulins - Parigi

Caffè De La Paix – Parigi. Questo bar situato proprio di fronte al teatro dell’Opera è tra i più cari al mondo. Pensa che qui un brunch costa circa 85 euro! Ma come puoi non visitare il posto in cui sono passati Emile Zola e Guy de Maupassant?

Roberto Cavalli – St. Tropez. Lo stilista Cavalli ha aperto il suo bar design in uno dei luoghi più stilosi del mondo. Questo locale è mutevole, a seconda del momento della giornata. Si passa da un tranquillo brunch al mattino, fino ad una notte scatenata con dei famosi DJ.

Cafe des Deux Moulins – Parigi. Questo bar è famosissimo e sai perché? Qui è dove Amelie ha girato le scene del suo celebre film a Parigi. Non sarebbe bellissimo accomodarsi per rivivere le stesse scene? Si dice che il personale sia simpaticissimo!

Faraday Bar – Galindez. Situato nella Penisola Antartica, questo bar viene definito da tutti “il bar alla fine del mondo”. Praticamente si tratta dell’ultimo bar ai confini della terra! Qui servono dell’ottima vodka da bere in compagnia dei pinguini che ti gireranno intorno.

The Dead Rabbit – New York. Atmosfere in stile 19esimo secolo, stile irish, birre e whisky. Questo bar è perfetto per sentirsi dei veri uomini d’affari newyorkesi d’altri tempi.

Connaught Bar – Londra. Un bar dal design caldo, dove il personale è ospitale e i prezzi stellari. Si dice che qui siano passate le star londinese più famose e il proprietario tiene a sottolineare che lo scopo è quello di ricordare al cliente che l’unica cosa importante nella vita è un buon barman.

 

LASCIATI ISPIRARE DA ARTIC PER IL TUO LOCALE… CONTATTACI!

 


 

Annette Palmieri
Napoletana, gattara, logorroica, twittatrice compulsiva, non vivo senza il mio smartphone a portata di mano. Vi avviso: sono peggio di Lucy Van Pelt. Amo le parole e quotidianamente lotto contro i miei nemici giurati: i refusi. Non sono brava in tutto anzi, le cose che non so fare sono notevolmente maggiori rispetto a quelle che so fare. Ad esempio, so scrivere ma non so camminare e bere contemporaneamente.